Foto dal basso dell'autrice di questo blog.

Effetto casa vuota.

Ero convinta fosse un modo di dire molto usato, ed invece gugolando non ho trovato niente.

Quello che ho sempre chiamato effetto casa vuota è l’arrivare su un blog/profilo social appena nato e trovarlo spoglio.

E’ ovvio sia così visto che è appena nato, ma allo stesso tempo dà l’idea di non aver niente da dare.

Mi sono messa a scrivere diversi post, in modo da mettere online il blog non vuoto, ma poi mi è sorto un dubbio: se esco contemporaneamente con cinque sei post, come li condivido sui social? Tutti insieme? Uno alla volta? Come li programmo e in che modo lascio ai lettori la possibilità di iniziare a conoscermi? Ha veramente senso aprire un blog già con un tot di post pubblicati?

Sinceramente non lo so, però visto che ho sempre cercato di essere me stessa, non lo farò, non pubblicherò dieci post tutti insieme solo per non fare sembrare il blog spoglio.

Ovvio che lo sembra: sta nascendo ora.

Probabilmente è la strada più difficile, ma per esperienza so che è la strada verso risultati costanti e duraturi.

Quindi eccoci qui, con il primo post di una lunga serie.

Come vedete la struttura c’è, gli argomenti anche, che piano piano si riempiranno di nuovi articoli.
Partendo da quel che so, passando attraverso tutto quello che imparerò, queste pagine saranno il terreno per sperimentare e imparare insieme.

So che l’argomento di questo blog è molto inflazionato e che è già stato detto tutto. A questo proposito concludo il mio primo post con le parole di Riccardo Scandellari:

Conosco quello che ti passa per la testa, perché l’ho provato e continuo a provarlo tutti i giorni. Pensi che fare contenuti non faccia per te, che è stato detto tutto e che a nessuno importerebbe ciò che dici. Hai ragione, è proprio così. È stato detto tutto, se quello a cui pensi sono le singole informazioni. (…)  L’errore consiste proprio nel pensare che sarai tu a dare l’informazione mancante. Non è questo che puoi o che devi fare. A te è richiesto qualcosa più evoluto di un comunicato stampa, devi dire la tua opinione, raccontare l’esperienza, indicare come hai risolto un problema e motivare le altre persone che hanno il tuo stesso obiettivo.

Se ti è piaciuto condividilo...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* (Questo form memorizza il tuo nome, la tua email e il contenuto da te scritto, tenendo così traccia dei commenti inseriti in questo blog. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy del sito: troverai tutte le informazioni su dove, come e perché vengono memorizzati questi dati.)

Accetto di rilasciare i miei dati per poter commentare questo post.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto